Quali sono i benefici ed i rischi del sushi?

Quante volte è capitato di chiedersi se il sushi, che fa impazzire tutti al giorno d’oggi, sia buono o nocivo per la salute? E poi, quante calorie ha? Leggi l’articolo per conoscere le risposte e molto altro sull’argomento.

Mangiare pesce crudo può portare dei rischi che però possono essere ridotti con l’utilizzo di procedure di prevenzione precise. In generale, il sushi è un alimento magro, ben bilanciato e con poche calorie. Inoltre, consumare pesce aiuta a prevenire molte malattie.

Per quanto riguarda le calorie, una porzione di sushi può contenere dalle 150 alle 180 kcal, in base anche al tipo di pesce e condimento che si sceglie. Può essere utile a velocizzare il metabolismo data la presenza di iodio nel pesce che fa bene alla tiroide. Per quanto riguarda le proprietà del sushi, esse sono molto benefiche.

Alcune ricerche sostengono, infatti, che sia antitumorale, grazie soprattutto all’alto contenuto di grassi polisaturi nell’olio di pesce. L’omega 3 ha proprietà benefiche per la prostata, abbassa il colesterolo e la pressione e protegge da diabete e malattie cardiovascolari.

Anche il wasabi, una delle salse associate al consumo del sushi, è utile perché antiossidante e ritarda l’invecchiamento. In generale, alcuni consigliano di non superare i sei pezzi di sushi a settimana, in modo da condurre una dieta bilanciata e salutare.

Il sushi e il sashimi, se non conservati e trattati nel modo giusto, potrebbero portare ad infezioni ed intossicazioni perché in essi potrebbero svilupparsi batteri come, ad esempio, l’escherichia coli o la salmonella.

Oltre a ciò, ancora più pericoloso sarebbe ingerire “verme del pesce”, ossia l’Anisakis Simplex che si trova nelle viscere del pesce, eliminate nel momento della pesca per evitare il contagio della carne, ma che non esclude del tutto il rischio di contrarlo.

Ci sono, comunque, una serie di pratiche che prevengono il formarsi di questi batteri, come le procedure di congelamento (che prevedono il mantenimento del pesce ad una temperatura di -20 gradi per 24 ore).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *